martedì 12 ottobre 2010

Pol. Casaglia - Gelateria Arcobaleno 3-1

Non senza brividi le tigri portano a casa i primi tre punti della stagione
L'esordio casalingo delle tigri vede l'inedito scontro della formazione biancoblu contro la squadra di Final di Rero. Il Mago, ancora una volta, si trova a dover gestire l'emergenza e conta in panchina solo tre elementi tra cui il rientrante Pierpa e il sempreverde Villo non al massimo della condizione.


La giornata e' soleggiata e dalla temperatura gradevole, ma un vento fastidioso consiglia di giocare palla a terra. Fischio di inizio e il Casaglia ovviamente fa di testa propria, la palla a terra non la gioca, e di conseguenza tutte le iniziative offensive evaporano in fretta vista la difficolta' di controllare la sfera.

La Gelateria Arcobaleno non sta' di certo a guardare e riesce a guadagnare due punizioni alla sinistra in posizione praticamente identica, la seconda delle quali, astutamente battuta qualche metro piu' avanti rispetto alla posizione del fallo, con la collaborazione del vento trova una traiettoria beffarda che induce Gio ad un fatale errore di valutazione.

Il vantaggio ospite e' una doccia fredda a cui segue una reazione rabbiosa, ma confusionaria, delle tigri. Il gioco si sviluppa soprattutto sulla fascia sinistra dove Enri sembra sentire oltremodo la pressione della responsabilita' affidatagli dal Mister nello spogliatoio durante il briefing prepartita. Un vero peccato perche' dopo un buon inizio la sua azione sembra spegnersi in conseguenza di un paio di errori che lo portano a perdere in brillantezza.

Gli ospiti, nel frattempo, ripartono pericolosamente in contropiede e si fanno piu' volte pericolosi. In occasione di una delle loro ripartenze Furo e' costretto ad intervenire aggrappandosi alla maglia di un avversario e la sua azione viene punita con un calcio di rigore.

La Gelateria Arcobaleno si trova su un piatto d'argento il colpo del KO, ma Gio e' pronto tra i pali a rovinargli la festa. Il nostro estremo difensore, infatti, si fa perdonare l'errore sul primo gol con un tuffo plastico che proietta la sua manona nell'angolino alla sua destra a parare il preciso ma non potente penalty calciato dal rigorista avversario.

La prodezza del nostro 99, numero che oggi su una carena di una moto significa campione del mondo, da' la scossa alla squadra, che prima del riposo trova il gol del pari. Marco batte con malizia in tutta fretta una punizione verso chi vi scrive che controlla al limite, si fa spazio e poi fa partire la classica minella in direzione della porta, battendo cosi' il portiere avversario.

Nel secondo tempo, con il cambio di campo, il vento soffia in poppa al Casaglia che, ringalluzzito dalla ritrovata parita', ne approfitta e comincia a macinare gioco da par suo. Pian piano le iniziative dei giocatori di Finale si spengono mentre i biancoblu' diventano sempre piu' pericolosi.
Il dominio sulle fasce e' evidente e il vantaggio potrebbe arrivare nei primi minuti della ripresa se il portiere ospite non si superasse alzando sopra la traversa un missile dai trenta metri di Ferra.

Il secondo gol delle tigri arriva ancora da una combinazione tra Marco e il vostro redattore capo. Il bomber del Casaglia vede accorrere Cavallo Pazzo, che sembra aver ritrovato lo smalto dei vecchi tempi grazie ai duri non-allenamenti, e lo serve con un passaggio filtrante forse un po' lungo ma su cui l'esterno biancoblu' allunga la sua lunga leva e trova un colpo da biliardo che si infila rasoterra sul secondo palo.

Rimessa in carreggiata la partita le tigri tirano il fiato e lasciano spazio alla manovra avversaria smorzando con efficacia tutte le loro iniziative. Questa volta tocca ai padroni di casa ripartire e lo fanno egregiamente, soprattutto con Manu, che pero' in una folata offensiva posa male il piede e si infortuna alla caviglia, ragion per cui deve abbandonare anzitempo il campo per far posto all'acclamatissimo Villo.

Il gol del tre a uno arriva sempre grazie a un'incursione sulla fascia sinistra di Crazy che restituisce il favore all'accorrente Marco servendogli un delicato assist che il nostro bomber non puo' non fallire.

Il terzo gol chiude la partita e regala i primi tre punti alla squadra biancoblu', punti meritatissimi dato lo sforzo profuso per raccoglierli. La squadra vincente non ha di sicuro brillato, ma e' stata per certo brava a sprecare meno degli avversari e a sfruttare meglio le corsie laterali.
Un applauso ai nostri sportivissimi avversari che hanno ben figurato e probabilmente sono consci e rammaricati di non aver raccolto tutto quello che potevano, come testimonia la loro cronaca della partita.

Alla fine della partita festa grande per la torta galattica della ragazza di Manu. Speriamo che con le cure di una ragazza cosi' torni in forma il prima possibile, magari per il sentitissimo derby di Sabato prossimo.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Obiettivamente non ho gestito al meglio la partita, succede anche a me di non essere in giornata, spero di non avere influito sul risultato anche se la gelateria recrimina qualcosa. Ma la cronaca della partita è un dato di fatto e il rigore è stato dato sull' 1 a 1 e non come è stato descritto da chi giocava l' ha visto sull' 1 a 0. Trevisani Marco

Esalando Prassi ha detto...

Si', e' vero, il rigore era sull'1 a 1. Spero che i miei lettori mi perdoneranno :)

Rux ha detto...

bel match , bella squadra il Casaglia , molto bello anche l'articolo .
Onore a Trevisani , capita di peggio in serie A dove a guardare sono 3 .
Rudi (^_^)

Esalando Prassi ha detto...

Capita di peggio anche quando c'e' Trevisani... :)
Grazie mille per i complimenti, ci vediamo al ritorno!