sabato 11 giugno 2011

CSA Alberonese - Pol Casaglia 1-2

Le tigri artigliano la Coppa di Lega!
Primo trofeo stagionale messo in bacheca dalle tigri che hanno dominato la finale disputata sul campo neutro di Via Arginone.

I gol del Casaglia tutti nel primo tempo grazie al nostro bomber Marco che infila una doppietta in avvio di partita che taglia le gambe all'Alberonese. Il raccolto della nostra punta è il frutto di un gioco accorto e condotto con intensità da parte di tutta la formazione del Mago che non concede spazio al centrocampo avversario e fa girare la palla a terra in modo ordinato e preciso.

Il doppio vantaggio va di sicuro stretto ai biancoblù che si ritrovano tra i piedi numerose palle gol senza riuscire a concretizzare e che reclamano anche per un rigore clamoroso, per stessa ammissione dei nostri avversari, non concesso su Pippo.

Dal canto loro i nostri avversari riescono ad impensierire Gio solo una volta con un potente tiro da fuori che però trova il nostro numero uno preparato a disinnescare ogni pericolo.

Nel secondo tempo il Casaglia non molla e persevera nella ricerca del terzo gol e come nel primo tempo sciupa fior fior di occasioni, compreso anche un rigore concesso per l'atterramento in piena area di Marco che, sbarazzatosi del portiere, viene da questi placcato platealmente.
A fallire il rigore è Maradò, che dopo aver chiesto e ottenuto la delega per sostituire il nostro rigorista di fiducia Ardi, calcia sulla traversa la palla della sicurezza.

La partita si riapre nel finale, proprio quando doveva essere chiusa da un pezzo, grazie ad un rapido contropiede dell'Alberonese magistralmente trasformato in rete dalla loro punta che raccoglie palla al limite e con un rapido movimento si gira e incrocia un siluro sul quale Gio non si può opporre.

Gli ultimi minuti sono sofferenza pura per il  Casaglia: la paura di gettare al vento una prestazione eccelsa incombe come uno spettro maligno nelle menti delle tigri.
A questo punto la formazione del Mago si fa guardinga e si arrocca in nelle retrovie per difendere strenuamente il vantaggio, nell'attesa che il liberatorio triplice fischio finale arrivi a consacrare la loro vittoria.

Quando l'arbitro impugna il fischietto per sancire la fine delle ostilità scoppiano le grida di gioia di tutta la compagine biancoblù, seguita sugli spalti da una folta e festosa rappresentanza che ha condiviso con noi grandi momenti di sport.

Dispiace che alcuni di loro, come Villo e Manu, non abbiano potuto essere presenti in campo per giocarsela a causa di infortuni e che altri, come Diego e Dade, siano mancati per impegni di lavoro. Un elogio speciale a due tifosi d'eccezione come Menego e Combustibile che non hanno fatto mancare il loro incitamento ai loro amici impegnati sul rettangolo di gioco.

Grazie a tutti di cuore per il grande momento di felicità e chiedo scusa a tutti quelli che non ho menzionato.

Ed ora sotto di nuovo perché i festeggiamenti devono lasciare il posto alla preparazione per le prossime importanti sfide che attendono le tigri, in primis la semifinale di lunedì, ultimo ostacolo sulla via del Mazza!

3 commenti:

Rux ha detto...

ho sempre tifato per voi , ma a sto punto mi tocca sperare ed augurarmi che questo sia il primo ed ultimo trofeo della stagione (^_^)

Esalando Prassi ha detto...

Nella giornata dei SI mi tocca dire ma anche no!

Ciao

Pippo ha detto...

Mamma mia che gufata! Ti capisco, Rux, ma...spero ti sbagli!!

Ma che foto pessima...una brutta copia del "Pensatore"... Vedremo se sono meglio meglio quelle della premiazione....sperando che la Uisp me le mandi, prima o poi!